CENTRO BIBLIOTECHE

Scheda LIBRO IN BROSSURA del libro

Titolo SIGNORI DEL TEMPO PERSO. I BUROCRATI CHE FRENANO L'ITALIA E COME PROVARE A SCONF
Autore BARBIERI GIORGIO; GIAVAZZI FRANCESCO
Editore LONGANESI
Edizione
Settore / argomento
Collana LE SPADE
Numero collana 44
Data pubblicazione 02/03/2017
Prezzo Euro 15,00
Situazione In commercio
Pagine
182
Stato del libro
alle 14:52 del 22-09-2021
il titolo è disponibile su ordinazione .

Altre informazioni N.vol. 1 Peso 210
<ProductFormDetail>Con risvolti di copertina</> <Language>Lingua del testo; ita</> <PagesArabic>182</> <RelatedProduct>: 9788830448391</>
SIGNORI DEL TEMPO PERSO. I BUROCRATI CHE FRENANO L'ITALIA E COME PROVARE A SCONF -BARBIERI GIORGIO; GIAVAZZI FRANCESCO

Abstract/Quarta di copertina
Che cosa hanno in comune gli ultimi samurai giapponesi e i burocrati della nostra pubblica amministrazione? Quali armi utilizzano i moderni samurai per bloccare le riforme? E perché la resistenza che oppongono è la vera ragione per cui è tanto difficile riformare, aprire i mercati alla concorrenza, evitare la corruzione? In questo libro l'economista Francesco Giavazzi e il giornalista Giorgio Barbieri individuano nella burocrazia, che da mercati bloccati ottiene potere e rendite, la corporazione che maggiormente si oppone al cambiamento del Paese. La lezione che abbiamo appreso dalle vicende di Mafia Capitale e degli scandali bancari è che la corruzione prospera in mercati chiusi e senza concorrenza, dove pochi riescono a estrarre ricche rendite. Per mantenere chiusi questi mercati servono norme e regolamenti, ed una burocrazia che li amministri. E un potere, sconosciuto ai più, che trascende la politica e si manifesta soprattutto nella capacità di rinviare o addirittura bloccare le decisioni. E talvolta è proprio dalla necessità di sbloccare un procedimento che nasce la corruzione. Partendo da esempi concreti (che riguardano l'Italia, ma anche paesi come il Perù e gli Stati Uniti) Giavazzi e Barbieri propongono una soluzione: aprire i mercati alla concorrenza, perché meno regole vuol dire meno burocrati e meno burocrati vuol dire meno corruzione.